Il Cammino del Senio

In agosto si pensa volentieri al programma delle attività autunnali. Nel corso dell’assemblea associativa del mese di maggio abbiamo confermato che l’obbiettivo al centro della nostra attenzione resta il percorso ciclo-pedonale sulle rive del Senio. Per allargare l’interesse, abbiamo deciso di coinvolgere nella discussione, oltre alle Amministrazioni comunali, tutte le forze politiche variamente identificate e presenti nel territorio.

Al momento, dopo oltre tre anni di iniziative e di contatti con le amministrazioni comunali, registriamo questi impegni concreti:

  • Il comune di Castel Bolognese sta lavorando per un percorso della memoria ad anello che unisca stazione fs, piazza, canale dei Molini, diga steccaia, argine del fiume e molino Scodellino con sette nuovi chilometri di percorso ciclabile sul fiume;
  • I comuni dell’Unione della Bassa propongono di estendere ad altri eventi il modello di convenzione con l’Autorità del fiume che adottano il 25 Aprile, che comprende lo sfalcio dell’erba nella sommità degli argini. Potremmo avere in tal modo gli argini con l’erba rasata presso che tutto l’anno;
  • Il comune di Riolo Terme si è impegnato alla realizzazione del sentiero lungo il Senio, fino alla grotta del re Tiberio.

Gli Amici del Senio incoraggeranno queste scelte e saranno disponibili a collaborare per la loro attuazione.

Le iniziative del prossimo autunno penso si collegheranno a questi argomenti e, allora, una prima idea potrebbe essere questa.

Promuovere un Cammino del Senio, a tappe, che corrobori le belle manifestazioni che già avvengono sul fiume e quelle che in futuro potranno sorgere. Fra quelle in essere ricordo: l’Arena delle balle di Cotignola, la mostra di pittura estemporanea di Tebano, la manifestazione del 25 aprile nella Bassa.

Il lavoro da fare non è poi tanto. Individuare i posti tappa, ovvero località con strutture minimamente adatte ad ospitare i viandanti. Che possono viaggiare a piedi, a cavallo o in bici; che possono volere dormire in tenda o nel letto; che vorranno autogestire il ristoro o che vorranno andare al ristorante; che avranno bisogno di alcuni servizi essenziali per lavarsi e per gli atti consueti.

Estendere lungo tutto il corso del fiume la convenzione che la Bassa Romagna fa per il 25 Aprile e applicarla diverse volte l’anno per fare in modo che la sommità dell’argine sia sempre libera e percorribile.

La proposta che avanzo, innanzitutto agli Amici del Senio e alle Amministrazioni comunali, è di promuovere Il cammino della pittura che, nella sua versione sperimentale del primo anno, si concluda il 10 settembre a Tebano in occasione della mostra di pittura estemporanea ad acquerello dedicata alla vendemmia.

Potrebbe assumere il significato di una prima tappa nella direzione di qualcosa che poi, anno dopo anno, potrebbe diventare strutturale.

Share

No comments yet.

Lascia un commento