Articoli

Fa sempre piacere quando arrivano piogge di finanziamenti. Ancor di più se questi sono destinati al Parco della vena del Gesso, memore dei decenni lungo i quali si è sostenuto tale obbiettivo (sperando che le cave non lo deturpino in modo irreparabile).

Le scelte espresse nell’articolo di cui pubblico la foto sono tutte valide e speriamo siano realizzate a breve. Molto importante il ponticello sul Senio, sul nostro caro amico fiume Senio. L’unica perplessità, ma che deriva senz’altro da ignoranza, è il costo. Considerato che di attraversamenti del Senio ne servirebbero altri – zona casse di espansione, zona Castel Bolognese, passo di Lungaia – e tutti con le motivazioni di quello di Borgo Rivola – sarebbe bene costasse meno. E casomai con quell’importo, poterne realizzare più di uno.

Tornando per un attimo ai finanziamenti, ci chiediamo se si è pensato, oppure se invece sono previsti, alla sistemazione del sentiero lungo il Senio, dal ponticello di cui si parla al ponte della cava. Il “sentiero della stretta di Borgo Rivola”, aperto dagli Amici del Senio e molto considerato dagli escursionisti a piedi e dai bikers. Rammento che prima delle ultime elezioni comunali, l’Amministrazione comunale si impegnò a realizzare quel piccolo intervento.

Concludo esprimendo un sentimento che da tempo cova nel mio animo, quando parlo di Senio: un certo senso di amarezza. Mi spiego. Sono più di cinque anni che guido un’Associazione di volontariato che vuole valorizzare il Senio, avendo come riferimento l’idea del bene comune. Ebbene, a giudizio di quasi tutti coloro che si occupano del Senio, non siamo ancora meritevoli di essere inseriti nelle loro mailing list per essere informati, dico informati, sulle cose che riguardano il fiume. Speriamo che a questo si voglia porre rimedio.