In questi tiepidi giorni di primavera viene la voglia di andare in bici. Allora ci piace riprendere l’idea del “Itinerario ciclabile della linea gotica sul Senio”. Ricordate? Ne abbiamo parlato in una partecipata conferenza con Gabriele Ronchetti a Castel Bolognese nel 2015 “Un’analisi storico-territoriale del Fronte del Senio e una ipotesi di sviluppo del turismo della memoria“. Argomento poi ripreso, sempre a Castel Bolognese, in un’altra partecipata conferenza nel 2016 “Fiume Senio, un percorso ciclo-naturalistico e della memoria dalla collina al mare“. Per comodità dei lettori ho linkato i due eventi, così potete consultarli.

Visto che fino ad ora, siamo nel 2019, l’argomento non è ancora stato preso in considerazione come ipotesi unitaria del territorio, nonostante anche in Italia sia esponenziale l’incremento nell’uso della bicicletta per fini sportivi, riprendiamo gli argomenti di interesse turistico che potrebbero sostanziare l’ipotesi della ciclabile, o percorso naturalistico che dir si voglia .

La storia. La seconda guerra mondiale ferma per lungo tempo nel 1944 sulle rive del Senio, caratterizza il fiume come museo diffuso dei luoghi e delle vicende della Liena gotica dove i soldati di 36 nazioni si fronteggiarono. Un vero e proprio ecomuseo della memoria che sostiene e valorizza il museo della Battaglia del Senio di Alfonsine.

La cultura. Il Senio collega Casola e Sant’Alberto, i paesi di Olindo Guerrini e Alfredo Oriani, gli antesignani del cicloturismo nazionale. Lungo l’itinerario ciclabile che proponiamo potrebbe collocarsi un Museo della bicicletta e del cicloturismo e un Museo della bicicletta e lavoro, raccolta ed esposizione di bici da lavoro in una sede da definire lungo il percorso, con collegamento all’ecomuseo delle Erbe Palustri.

Il paesaggio. Il percorso si presenta come un ponte tra il parco della vena dei gessi e il parco del delta del Pò che, per mezzo di reti ciclabili locali, potrebbe collegarsi agli ecosistemi locali, come il Podere Pantaleone, i bacini e le cave di argilla, gli alberi monumentali e tanto altro.

L’enogastronomia. Sarebbe promossa la valorizzazione e la promozione dei prodotti del territorio per mezzo della creazione attorno al sistema ciclistico di una rete di aziende, prodotti, ospitalità e servizi adeguati.

Il benessere. Un unico circuito ciclopedonale di fruizione e collegamento, darebbe corpo ad un itinerario del benessere con la messa in rete delle tante strutture già esistenti (Terme, ecc.).

L’arte e il teatro. l’itinenario ciclabile ipotizzato potrebbe valorizzare i fiumi Senio e Lamone come teatri all’aperto e luoghi di lend art, come l’esperienza dell’arena delle balle di paglia di Cotignola  e Acque e Miracoli a Tebano dimostrano.

In questi giorni cresce l’attesa per le prossime elezioni per il rinnovo delle nostre amministrazioni comunali. Tutte le forze politiche sono in campo per conoscere le proposte delle persone chiamate al voto e delle varie associazioni che compongono la vita sociale e civile delle nostre città. Bene, la principale proposta degli Amici del Senio, il nostro contributo partecipativo, è rappresentato da questa proposta. Speriamo di essere ascoltati.

Sabato 30 marzo saremo sul Senio a Villa Magenta di Lugo per riconoscere e raccogliere le buone erbe del nostro fiume. Ho un lontanissimo ricordo di Villa Magenta, quando negli anni sessanta, si diceva facesse affari in quel luogo tal Giuffrè (Giovanni Battista). Un signore di Imola, un banchiere di Dio, poi si è avuto notizia di altri, che pare rubasse soldi a preti, frati e contadini facendoseli prestare, promettendo interessi del 100%. Oggi i tempi sono cambiati, i soldi ai poveracci si rubano in altro modo, direi quasi, legalmente. Chiusa la parentesi.

Ci troveremo alle 14,45 davanti al parcheggio della Piscina comunale da dove ci recheremo a piedi sull’argine del fiume (ponte). La nostra associata Gigliola Bandini, appassionata e studiosa delle erbe spontanee commestibili, ci guiderà alla ricerca e al riconoscimento delle erbe commestibili. Quelle erbe che tante persone, recuperando il ricordo della nonna, stanno giustamente rivalutando.

Al termine, come al solito, offriremo un assaggio di prodotti preparati con le erbe stesse.

La camminata, che sarà di un paio di chilometri, non riveste alcuna difficoltà. Tuttavia occorre prestare attenzione. Si consigliano scarpe col fondo non scivoloso, calzare pantaloni lunghi e avere con se una bottiglietta d’acqua.

L’incontro potrà essere anche l’occasione per rinnovare l’adesione all’Associazione Amici del fiume Senio, oppure per aderirvi la prima volta.

Info e prenotazioni: Domenico 3400532380

Vi aspettiamo.

L’ottima riuscita delle iniziative di sabato e domenica scorsi, testimoniano che c’è del giusto in quanto andiamo dicendo da anni. Il concetto di fondo ruota attorno all’idea che il fiume sia uno strumento insostituibile per uno stile di vita sano e che rappresenti il vettore naturale per una economia sostenibile. In tempi in cui cresce l’angoscia per la sorte del pianeta – sconvolgimenti climatici, fame, rifiuti, l’acqua che sta mancando – nel nostro piccolo le iniziative che promuoviamo, nascono nel solco di dare risposte a quei temi. Penso sia questa una delle chiavi del loro gradimento.

Questa volta abbiamo parlato delle buone erbe e dei buoni frutti che sono fuori dall’attuale mercato dei consumi, ma che per millenni hanno rappresentato risorse insostituibili per il genere umano. Ci siamo chiesti se non sia il caso di recuperare conoscenze, valori, modalità di vita e di consumo da affiancare e competere con quelli in vigore oggi. Abbiamo posto il tema e ci siamo accorti che tante persone sono apparse interessate. Sono stati con noi in questi giorni operatori della salute, produttori agricoli, esercenti di attività che vivono in simbiosi con questi argomenti come i B&B e gli Agriturismi, produttori innovativi delle nostre campagne che già hanno sviluppato sensibilità verso questi argomenti e che ci chiedono di andare avanti. Si complimentano e ci incoraggiano.

Fra le diverse cose di cui abbiamo avuto conferma sì è ancora evidenziato il tema della mobilità lungo il fiume. Creare le condizioni affinchè migliaia di persone possano comodamente passeggiare o andare in bici sopra gli argini del fiume è una richiesta che si coglie sempre più chiaramente e che attende risposte, oramai non più eludibili da parte dei nostri comuni e dalla Regione. Le sommità degli argini sono strade naturali già esistenti, solo da impiegare. Basta solo mantenerle pulite e scorrevoli quanto serve. E’ facile capire che se portiamo migliaia di persone sopra gli argini queste saranno inevitabilmente attratte da quanto di interessante e di bello c’è attorno, a partire dal lavoro dei contadini che crea paesaggio. E se sono attratte è facile anche pensare come questo possa originare una ricaduta economica da ascrivere al concetto di sviluppo di una economia sostenibile.

Ecco dove sta la risposta a quell’operatore B&B di Faenza che sabato, dopo avermi detto di avere accolto giovani toscani a passeggio sul Senio, lungo la via Gotica, ed essersi molto meravigliato del loro interesse, mi chiedeva perchè quel tipo di turismo non fosse maggiormente promosso e incentivato dai nostri comuni.

Gli ostacoli che si frappongono a questa visione delle cose sono tanti, troppi. In genere si tratta di piccoli interessi categoriali di parte, della preoccupazione di pararsi le terga in ogni modo, di problemi burocratici non risolti nei decenni, spesso per pigrizia o inavvedutezza. Oramai li conosciamo bene. Quello che bisogna fare è assumerli, valutarli e risolverli, senza dovere patire altri ritardi. Tutto il resto, come diceva il “Califfo”, è noia.

 

Fa sempre piacere quando arrivano piogge di finanziamenti. Ancor di più se questi sono destinati al Parco della vena del Gesso, memore dei decenni lungo i quali si è sostenuto tale obbiettivo (sperando che le cave non lo deturpino in modo irreparabile).

Le scelte espresse nell’articolo di cui pubblico la foto sono tutte valide e speriamo siano realizzate a breve. Molto importante il ponticello sul Senio, sul nostro caro amico fiume Senio. L’unica perplessità, ma che deriva senz’altro da ignoranza, è il costo. Considerato che di attraversamenti del Senio ne servirebbero altri – zona casse di espansione, zona Castel Bolognese, passo di Lungaia – e tutti con le motivazioni di quello di Borgo Rivola – sarebbe bene costasse meno. E casomai con quell’importo, poterne realizzare più di uno.

Tornando per un attimo ai finanziamenti, ci chiediamo se si è pensato, oppure se invece sono previsti, alla sistemazione del sentiero lungo il Senio, dal ponticello di cui si parla al ponte della cava. Il “sentiero della stretta di Borgo Rivola”, aperto dagli Amici del Senio e molto considerato dagli escursionisti a piedi e dai bikers. Rammento che prima delle ultime elezioni comunali, l’Amministrazione comunale si impegnò a realizzare quel piccolo intervento.

Concludo esprimendo un sentimento che da tempo cova nel mio animo, quando parlo di Senio: un certo senso di amarezza. Mi spiego. Sono più di cinque anni che guido un’Associazione di volontariato che vuole valorizzare il Senio, avendo come riferimento l’idea del bene comune. Ebbene, a giudizio di quasi tutti coloro che si occupano del Senio, non siamo ancora meritevoli di essere inseriti nelle loro mailing list per essere informati, dico informati, sulle cose che riguardano il fiume. Speriamo che a questo si voglia porre rimedio.

Sabato scorso al bar Quadalto di Palazzuolo sul Senio ci siamo divertiti. Molte persone hanno partecipato alla discussione sulla sorgente del Senio.

Il tema si è subito presentato complicato perchè nei secoli le indicazioni sono mutate. Gli storici, i geografi, i cartografi e poi le tradizioni, la religiosità, gli eventi fino ad arrivare ai popolani, di volta in volta hanno dato indicazioni diverse. La fonte dell’Esploratore, la fonte del Soldato, le fontane delle Benedette, la confluenza del rio Aghezzola con quello di Campanara, la confluenza del Rio di Lozzole con quello dell’Aghezzola, sono state le sedi individuate nei tempi passati come sorgenti del fiume Senio.

Negli ultimi decenni, a complicare le cose, sono intervenuti i cambiamenti climatici che hanno abbassato, anche da quelle parti, le falde acquifere e mutato la loro portata nelle diverse stagioni.

A ben pensare non è certamente di vitale importanza stabilire dove il Senio abbia inizio. Ma è importante: il senso sta a mio modo di vedere nel fatto che così se ne rafforza l’identità. Rafforzarne l’identità significa dare un senso ulteriore all’idea di valorizzarlo come fiume di storia, probabilmente fra i più importanti d’Italia. Non solo per la Linea Gotica, ma per tanto altro che tratteremo in altra occasione.

Torniamo a sabato mattina per dire che il bello è consistito nei racconti e nei ricordi delle persone presenti. Ho ascoltato parole che non avevo mai sentito come “il paradosso” e “le posate”, ma anche l’eco del duro, durissimo lavoro dei montanari che si svolgeva lungo un fitto reticolo di mulattiere e sentieri che vergavano i piccoli campi, lambivano le case e si inerpicavano a scavalcare crinali, dopo i quali c’erano altre forre e altri crinali.

Nel merito della sorgente del Senio, abbiamo ragionato in questo modo. Trovare un compromesso fra la storia e la tradizione che non si vogliono disconoscere e la realtà quale si presenta oggi. Allora è stato detto che la sorgente va individuata lungo il rio dell’Aghezzola e che il criterio più opportuno per individuarla è quello della polla più in alto, ma che dà acqua tutto l’anno.

A seguito di questo ragionamento gli Amici esploratori di Palazzuolo hanno convenuto che la polla con le caratteristiche sopra esposte sia quella di Cà di Burraccia. L’idea sarebbe quindi quella di battezzare quel luogo come l’attuale sorgente del fiume Senio. Gipo ha accettato di scrivere un breve epitaffio da scolpire in una lastra da allocare sul posto. Quello sarà il luogo da dove probabilmente mercoledì 5 giugno partirà il Cammino dell’Acqua e del Senio, per arrivare a mare.

La storia però non finisce qui. Intanto perchè questa idea va validata. E per questo dovrà avere un supporto più vasto. Vedremo come fare. Ma non solo. Si è manifestato anche il desiderio di riattivare alcuni vecchi sentieri, come quello percorso negli anni cinquanta dagli operai che costruivano la Statale della Sambuca per procurarsi l’acqua da bere alle fontane delle Benedette. Da quel punto proseguire, scendendo, fino alla nostra polla di Cà di Burraccia. In questo modo avremmo una bella camminata che, partendo da Piedimonte e seguendo il rio fino a Cà di Burraccia, potrebbe proseguire fino alle Benedette, salire alla Statale, prendere il sentiero sotto i Ronchi di Berna fino ad incrociare il crinale di Lozzole e chiudere l’escursione a Palazzuolo.

Un’altra idea manifestata è stato quella di salire dalla nostra Polla fino al rudere di Cà di Burraccia e riaprire la vecchia mulattiera che portava a Piedimonte, creando così un’altra escursione ad anello.

Concludo dicendo che potrò avere compiuto qualche errore nella descrizione. Se del caso fatemelo notare e provvederò alle rettifiche. Resta sicuramente il fatto di un bell’incontro che ha creato nuove amicizie e che sicuramente porterà a qualcosa di positivo per la comunità di Palazzuolo e per la vallata del Senio.

 

 

Il Fai, Fondo Ambiente Italiano, organizza il 23 e 24 marzo prossimi le Giornate di Primavera. L’iniziativa promuoverà la visita a migliaia di siti, spesso abbandonati, che costituiscono il patrimonio storico, culturale a ambientale del nostro Paese. Quest’anno le giornate saranno dedicate all’acqua. Fra i siti che quei giorni saranno posti sotto la lente dei visitatori nella nostra Provincia, c’è il canale dei Mulini.

Parlando del Canale dei Mulini si parte dalla diga steccaia leonardesca che, a Tebano, ne origina la derivazione. A seguire gli altri punti del canale visitati in quei giorni saranno il Mulino Scodellino e il Parco del Loto a Lugo.

L’interesse alla nostra diga storica sta nel fatto che si lega agli studi di Leonardo da Vinci. Gli studenti che hanno approfondito la questione, confermano quanto scritto da diverse fonti. Saranno loro in quei giorni ad accogliere i visitatori, ad illustrare l’opera e il contesto in cui essa fu creata.

Ringraziamo il Fai e gli Amici del Molino di Scodellino che hanno pensato e avuto la gentilezza di coinvolgere anche gli Amici del Senio. Sono anni che lavoriamo, assieme al Polo Tecnologico, ai comuni di Faenza e Castel Bolognese e alla parte più attenta della comunità tebanese, per recuperare il valore e la bellezza paesaggistica di quel luogo. Siamo quindi felici di collaborare a questa bella esperienza e di unirci al Fai nella titanica opera di valorizzazione del patrimonio culturale rimasto fuori dai riflettori del turismo di massa, ma non per questo meno importante.

Nei giorni scorsi abbiamo incontrato esponenti del Fai e con loro si è redatto l’agenda del lavoro da fare. Il 7 marzo avremo la visita degli organizzatori Fai per compiere un sopralluogo di carattere generale. Poi, il 19 marzo, verranno sul posto due aule di studenti del Liceo scientifico di Lugo per conoscere il contesto. Sono i ragazzi che avranno il compito di ricevere gli ospiti visitatori nelle giornate dell’iniziativa di primavera del 23 e 24 marzo.

Considerato il prestigio acquisito dal Fai e il fatto che la visita al Canale dei Mulini e quindi alla diga steccaia, entrerà nel calendario nazionale degli eventi, dobbiamo aspettarci molti visitatori. Nei prossimi giorni lavoreremo per creare attorno all’iniziativa un vasto consenso sociale di enti, istituzioni, aziende, popolazione e una adeguata organizzazione logistica.

Occorrerà anche tenere conto che parte dei visitatori potrebbe poi essere interessata a visitare altri siti di interesse vicini alla diga, come il Santuario con le opere dello scultore Angelo Biancini, l’acquedotto sotterraneo e, chissà, forse anche la cantina. Da non dimenticare poi che la mattina di domenica 24 marzo saremo presenti a Tebano  con lo studio e la raccolta di erbe spontanee condotta dal divulgatore Adolfo Rosati.

Come si vede, tanti motivi di interesse e l’auspicio che tante persone siano disponibile in quei giorni a darci una mano.

Sono contento nel dire che non possiamo più accettare prenotazioni per la giornata del pane di domenica prossima. Siamo ospiti di una famiglia che gestisce un agriturismo con radici nel biologico. La storica casa è ampia, ma gli spazi a disposizione sono per forza contenuti.

Sarà un bell’incontro, denso di significati. La favola del pane, il paesaggio delle colline che ci circondano, una famiglia che ci ospita col sorriso sulle labbra.

Sono però triste nel sapere che in queste ore, a Roma, è in atto una deportazione di bambini, donne e uomini che hanno il solo torto di essere poveri, di essere nati in luoghi più svantaggiati dei nostri e di avere un colore della pelle diverso dal nostro.

Bisogna fare qualcosa.

Lunedì scorso il Consiglio comunale di Castel Bolognese ha approvato un progetto per lo sviluppo della ciclabilità urbana che comprende la percorrenza di circa 10 chilometri di argine del fiume Senio. Il progetto ha il pregio, fra altro, di collegare la diga steccaia leonardesca di Tebano, dalla quale origina il Canale dei mulini, al Molino di Scodellino. Diga steccaia e Molino di Scodellino sono coevi alla fondazione di Castel Bolognese e conservati nelle loro caratteristiche originarie. Si può dire siano monumenti di valore nazionale.

La foto che pubblichiamo mostra altri  importanti aspetti del progetto: quello di unire i tratti di piste ciclabili già esistenti, di comprendere tutti i percorsi del Piedibus, di mettere in sicurezza diversi attraversamenti pedonali. Al termine Castel Bolognese avrà una rete ciclabile integrata, collegata con la Stazione (intermodale per le bici) e con il suo centro storico di Città d’arte.

Per l’opera sono stati stanziati 640.000 euro, 380.000 dei quali messi dalla regione Emilia-Romagna. Per dovere di informazione va detto che il progetto presentato da Castel Bolognese al bando della Regione per essere finanziato, è arrivato terzo su circa 90 domande e unico finanziato in provincia di Ravenna. Un risultato che dà valore all’impegno dell’Amministrazione nell’approccio al tema, nel crederci e nel coinvolgere chi ha potuto portare professionalità, idee ed esperienze.

Noi, Amici del Senio, siamo contenti per diverse ragione. Innanzitutto per avere sostenuto, fino dall’udienza conoscitiva in Regione, la possibilità che anche gli argini dei fiumi possano essere considerati sedi di ciclo vie; in secondo luogo per avere potuto fare valere il risultato della partecipazione popolare che abbiamo promosso negli anni con le nostre iniziative di fiume. Se il progetto del comune di Castel Bolognese, comprende anche il fiume Senio, significa anche che siamo stati ascoltati e coinvolti, prima dalla Regione, poi dal Comune.

Adesso l’auspicio è che tutti i comuni del Senio (Palazzuolo, Casola Valsenio, Riolo Terme, Castel Bolognese, Faenza, Solarolo, Cotignola, Lugo, Bagnacavallo, Fusignano, Alfonsine) diano il loro contributo all’idea di ciclabile del Senio, dalla collina al mare. Le forme di intervento possono essere diverse, ma siamo quasi certi che alla fine la considerazione del valore aggiunto che l’opera può portare all’economia del territorio consentirà di superare tutti gli ostacoli.

In conclusione pare utile riportare la dichiarazione fatta sui social da Luca Della Godenza, il giovane assessore di Castel Bolognese che, assieme al Sindaco, alla Giunta e al Consiglio comunale, ha promosso e sostenuto il progetto.

“Una splendida notizia per la nostra comunità!
Nel Consiglio Comunale di ieri sera (ndr – 19 novembre) abbiamo approvato a larghissima maggioranza lo stanziamento di 640.000 € per le ciclabili di Castel Bolognese. La Regione Emilia Romagna ha infatti finanziato per 380.000 € il progetto che prevede il collegamento in argine dalla Diga steccaia al Mulino Scodellino, la sistemazione e la realizzazione ex novo di molte delle ciclabili del centro urbano (in particolare i percorsi Piedibus) e la messa in sicurezza di tutti gli attraversamenti pedonali della Via Emilia. Il nostro progetto è arrivato terzo in Emilia Romagna e unico finanziato in Provincia di Ravenna.
Questo risultato arriva perchè dallo scorso anno ci siamo dotati di un piano generale sulle smart city che ci consente di avere una visione e una strategia chiara per il futuro di Castel Bolognese.
Ringrazio Domenico Sportelli che da sempre ha creduto in questo progetto e con cui da sempre ci confrontiamo in maniera proficua. Ringrazio Mirco Bagnari e il personale della Regione che mi hanno accompagnato nella fase di presentazione del progetto dandomi indicazioni preziosissime. Ringrazio infine l’ingegnere Felice Calzolaio (capo ufficio tecnico Comune) l’Università di Ferrara e Gea progetti, in particolare Martina Massari, che durante le vacanze estive hanno lavorato intensamente per presentare la domanda.
Ora avanti con il progetto esecutivo e con tutto l’iter burocratico per fare i lavori dalla prossima primavera .

In seguito ad un deliberato dell’assemblea della nostra associazione, ieri, a Lugo, abbiamo presentato alla stampa le nostre idee per la valorizzazione del Senio. Sono rivolte ai cittadini e alla politica che si appresta a promuovere il rinnovo dei Consigli comunali bagnati dal fiume.

Siccome le amministrazioni comunali – e la Regione – sono gli interlocutori naturali delle nostre proposte, ci è parso logico proporle in tempo utile perchè chi lo voglia possa recepirle nei futuri programmi di governo delle amministrazioni comunali. Non paia strano questo: siamo un’associazione di volontariato apartitica, ma non apolitica nel senso che, appartenendo alla dimensione della vita comune, desideriamo concorrere alla formazione delle decisioni relative al suo governo, sentendo questo come un diritto-dovere.

Di seguito riportiamo il documento presentato alla stampa e che nei prossimi giorni invieremo a tutte le rappresentanze della politica che si occuperà delle prossime elezioni amministrative. Al termine riportiamo alcuni dati riferiti alla nostra attività che crediamo abbiano un valore e che crediamo diano un senso alle proposte che avanziamo.

LA CICLOVIA DEL SENIO, VALORIZZIAMO I NOSTRI FIUMI

Siamo cittadini della vallata interessati alla tutela e alla valorizzazione del fiume Senio. Per questa ragione, 5 anni fa, ci siamo costituiti in Associazione Amici del fiume Senio. Ci battiamo perché il Senio torni ai cittadini, per mezzo del miglioramento della sua manutenzione, che deve essere adeguata e costante nel tempo, e di una sua infrastrutturazione che possa favorire la mobilità ciclo-pedonale sopra e/o ai piedi dei suoi argini.

Nel corso del tempo abbiamo capito come il nostro fiume rappresenti un elemento fortemente identitario per le popolazioni che gli vivono attorno. La ragione principale consiste nel lucido ricordo di come il fiume sia stato per loro: sussistenza, economia, protezione, svago e divertimento. In secondo luogo hanno contribuito a creare identità le tragiche vicissitudini della guerra mondiale (linea gotica e fermata del fronte). Altri aspetti sono stati l’avere favorito l’incontro fra le genti della montagna e della pianura e il fatto che si mostra come un corridoio ecologico-ambientale di notevole valore ed interesse, meta ambita per le attività del tempo libero dei cittadini.

I pilastri sopra i quali poggia la nostra opzione sono:

– La storia del Senio (Linea gotica, Napoleone e Papalini, Guelfi e Ghibellini, Bizantini e Longobardi);

– la prospettiva che possa diventare il primo fiume di arte e di cultura (land art) d’Italia, come le esperienze di Cotignola e Tebano dimostrano possibile;

– il valore intrinseco costituito dal paesaggio (di grande pregio per gran parte del suo percorso);

– il lavoro dei contadini che crea paesaggio e valorizza i prodotti.

Detto questo, desideriamo porre all’attenzione dei cittadini e della politica alcune problematiche che proponiamo entrino a far parte dei prossimi programmi di Governo dei nostri comuni.

SICUREZZA. Fondamentale, perché il Senio garantisca sicurezza alla sua valle, è che siano realizzate le casse di espansione di Cuffiano/Tebano, programmate da oltre venti anni. La prima è pronta da tempo, occorre completare nei tempi ultimamente stabiliti la seconda e dare corso alle opere di collegamento fra loro e il fiume. E’ necessario che il Governo mantenga nella piena disponibilità della Regione, che deve realizzare l’opera di collegamento delle casse fra loro e con il fiume, la cifra di 10,5 milioni già pattuita. Auspichiamo che le opere di adduzione comprendano il piano di rinaturalizzazione dell’area e la sua futura fruizione pubblica, così come la Valutazione di Impatto Ambientale, allegata al progetto originario, prevede.

MANUTENZIONE. La manutenzione dei fiumi deve tornare ad essere adeguata nella sua dimensione e ordinaria nel tempo. La sua modalità deve garantire la sicurezza idraulica del fiume e contemporaneamente tenere conto della sua natura complessa. Ovvero della sua valenza ambientale, paesaggistica, naturalistica, di sito ambito per attività salutistiche e ben disposto allo sviluppo del turismo delle esperienze e dei luoghi. Proponiamo il rispetto certo delle “Linee guida regionali per la riqualificazione integrata dei corsi d’acqua naturali dell’Emilia Romagna”.

CICLOVIA DEL SENIO. Eclettica, potrebbe essere il nome di un grande percorso naturalistico ciclo-pedonale che proponiamo sul Senio per offrire agli amanti del turismo lento una “classica” di interesse europeo. Un percorso che collega idealmente le biciclette di Alfredo Oriani e di Olindo Guerrini, le peregrinazioni di Dante e la Linea Gotica, i parchi della Vena dei Gessi e del Delta del Po’, la collina con la pianura e il mare. Un progetto che può collegarsi in un tutt’uno con la ciclabilità del Lamone, già in stato di avanzata realizzazione, dando così vita ad un circuito ciclabile di circa 150 chilometri, capace di costituire attrattiva europea. Un’opera, infine, in grado di integrarsi con il progetto di ciclabile Ferrara Ravenna e con la direttrice nord, verso Trieste, dove potrà incrociare la ciclabile della Cortina di Ferro in fase di realizzazione.

Pensiamo che rendere agibili gli argini e offrirli come un circuito senza interruzioni, significhi spalancare a migliaia di turisti le porte e la conoscenza dei tanti punti di interesse storico, naturalistico e culturale presenti nel territorio. Significa stabilire un contatto proficuo con l’economia agro-alimentare della vallata e con le centinaia di strutture ricettive presenti.

ACCESSO/CONTRATTO DI FIUME. E’ opportuno sia affrontato, regolato e meglio definito il tema delle competenze sui fiumi. E’ necessario disciplinare gli accessi e la fruizione degli argini e delle golene, aprendo all’idea delle convenzioni pubblico-privato per fare tornare i fiumi alle comunità. Per questo è necessario anche per il Senio adottare lo strumento del Contratto di fiume previsto dalla Regione, le cui ragioni sono state ben evidenziate e sostanziate dal ricco e fondato percorso di partecipazione svolto dagli Amici del Senio.

L’Associazione Amici del Senio, con queste proposte, vuole contribuire all’idea dello sviluppo dei beni comuni locali. Al servizio dei cittadini e come portatrice di interessi, le affida al mondo della politica, nella certezza che saranno seriamente valutate e possibilmente assunte. Siamo a disposizione per ogni proficuo approfondimento.

IL CONSIGLIO DIRETTIVO AMICI DEL SENIO

Chi siamo

Associazione di volontariato Amici del fiume Senio. Iscritta all’Albo regionale.

Sede – Solarolo, via Gaiano Nuova 20.

Mail amicifiumesenio@gmail.com

Sito http://amicidelsenio.eu/

FB Associazione Amici del fiume Senio

YOU TUBE Amici del fiume Senio

Attività partecipata svolta in questi anni:

– 13 conferenze pubbliche nei vari comuni del Senio, patrocinate dai comuni e dalla Regione con la presenza di 650 persone, rivolte alle istituzioni pubbliche; alle associazioni sportive, economiche e della cultura; alla politica.

– 110 incontri con stakeholder con la partecipazione di circa 400 persone.

– 50 iniziative pubbliche verso i cittadini che hanno coinvolto 3.300 persone. Volte a favorire la scoperta del fiume e dei luoghi di interesse di varia natura che stanno attorno ad esso e costituite da:

–          camminate, esplorazioni, contatto con la natura, l’ambiente, il paesaggio;

–          ricerca storica, l’edizione di una nuova mappa delle storie, dei cibi, del lavoro, dei sentimenti delle comunità del fiume;

–          spettacoli musicali, teatrali e sviluppo di esperienze di land art.

Nel corso della propria attività l’Associazione ha promosso una petizione, fino ad ora firmata da 1200 cittadini, a sostegno della valorizzazione del Senio, con al centro la proposta della ciclovia.

L’Associazione conta nel 2018, 106 iscritti.

Ieri sera, a Tebano, nella splendida balconata che dà sulla diga steccaia, abbiamo incontrato le persone che hanno collaborato all’evento del 9 e 10 luglio. C’erano i dirigenti del Polo tecnologico, gli assessori di Faenza e Castello; c’era Primola di Cotignola e tutti i collaboratori.

E’ stata una bella serata di chiacchiere, di scambio di idee, di consolidamento dei rapporti interpersonali che aiutano gli Amici del Senio ad essere un sodalizio utile e di riguardo. Per l’occasione abbiamo cucinato un grande “Umido di castrato” con le patate. Abbiamo attualizzato la ricetta di un vecchio macellaio di Castel Bolognese, Giuseppe Badiali, pubblicata nei “Mangiari di Romagna. Poi abbiamo offerto una frittatina di portulaca, erba invisa agli ortolani, ma ottima di sapore e di proprietà salutari, assieme a formaggi guarniti di marmellate delle signore del Senio. Infine la ciambella del Senio, un’altra delle nostre start up in cucina, fatta con farine grezze di grano e girasoli. A Tebano poi non manca mai l’ottimo vino dei produttori locali.

A seguire, abbiamo guardato il filmato della Festa, 23 minuti dell’ottimo Francesco Minarini, e la raccolta di foto dell’altrettanto bravo Roberto Torricelli. Il documentario della Festa è disponibile (potete prenotarlo, vi costerà qualche euro – forse 8 – di rimborso spese).

La serata è terminata con una bella poesia in dialetto di Gigi Franzoni e con la sua proposta di dedicare la prossima Festa di luglio a Tebano ai pesci. I pesci che escono dal fiume, i pesci che scendono dal cielo. Questo è il compito che Gigi ci ha dato da qui al prossimo luglio: fabbricare pesci, piccoli, grandi, nel modo che ad ognuno pare. Bellissima idea… e a noi tutti i compito di attuarla. Fabbrichiamo pesci.

Questa idea dei pesci, prontamente accolta da tutti i presenti, non ci ha consentito di porre il tema se fare o non fare una terza edizione di Acque e Miracoli a Tebano. La risposta è stata nelle cose.