Via Tebano, la strada del foliage

Ieri a Tebano, assieme agli Auguri, abbiamo presentato l’idea di istituire la “Strada del foliage”.

Noi pensiamo che la via Tebano, che parte dalla diga steccaia e arriva fin oltre Villa Vezzano, per poi prosegue con altro nome fino a Zattaglia, risalendo le valli del Senio e del Sintria, abbia un grande potenziale per l’eco turismo.

In particolare, il paesaggio modellato anche dal tradizionale lavoro dei contadini, è esteticamente molto attraente. In autunno, ma anche in primavera, i colori dei vigneti, degli alberi da frutto e di altre essenze, esaltano il panorama che diventa splendente mostrandosi assai gradito agli occhi dei fautori del turismo lento: escursionisti, podisti e ciclisti.

In queste categorie rientrano anche gli amanti del foliage, un genere di turisti ecologisti diffuso in Usa e Nord Europa, sempre più praticato anche in Italia. Il loro scopo è quello di contemplare ed ammirare i colori alla luce calda dell’autunno, in questo periodo particolarmente variegati. Anche la primavera, peraltro, offre scenari incantevoli al momento delle fioriture dei frutteti.

Particolarmente pregiata è la prima parte dell’itinerario che si estende risalendo il fiume, oltre la diga steccaia (che dà luogo al canale dei mulini), fino alle casse di espansione che possono diventare un’area da rinaturalizzare, con la valorizzazione delle secolari querce  di Tebano e la riattivazione dello storico ponticello.

Noi pensiamo che l’Unione dei comuni della Romagna faentina e i comuni interessati, dovrebbero in sinergia predisporre un’idonea segnaletica stradale per favorire e proteggere questa nuova forma di turismo ecologico. Pensiamo che la scelta della strada del foliage e la particolare attenzione ai suoi estimatori si sposi molto bene col progetto di Ciclo via del Senio-Lamone. Assieme avrebbero il pregio di valorizzare le produzioni tipiche locali, il km zero e le attività di ristorazione e servizio che già operano nel luogo. Insomma, una perfetta sintesi tra turismo, agricoltura ed ecologia.

All’iniziativa era presente l’assessore all’Ambiente del comune di Faenza Luca Ortolani che ha mostrato interesse e che si è impegnato ad approfondire e proseguire la discussione sull’argomento.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.