Articoli

Domenica 14 novembre, nella sala del Consiglio comunale di Castel Bolognese, abbiamo premiato i vincitori del concorso di scrittura I racconti del Senio. Poco prima avevamo inaugurato nel chiostro della residenza municipale la Mostra dei Racconti del Senio.

Nella sala del Consiglio, oltre ai vincitori, erano presenti i prof membri della giuria, Gianni Marucelli di Arezzo, Giustina Baioni di Alfonsine e Leonardo Altieri di Castel Bolognese, il sindaco di Castel Bolognese Luca della Godenza e tutti i membri della sua giunta, i rappresentati degli sponsor che hanno collaborato con noi Mario Baldini di primola Cotignola, Gian Luigi Baccarini di Vini Carta Bianca All Vineyard, Laura Montanari del Polo Tecnologico di Tebano. Tutti occupati dal pubblico i 43 posti previsti dalla normativa anti Covid.

La cerimonia è stata condotta da Giovanni Morini, mentre Rita Malavolti ha letto brevi passi dei racconti vincitori dei premi e titolari delle menzioni speciali.
Dopo che Gianni Marucelli ha illustrato i criteri che hanno determinato la classifica, il Sindaco ha consegnato il premio alla vincitrice del Concorso: Maria Merenda di Castel Bolognese. Seconda classificata Gabriella Costa di Palazzuolo sul Senio, terzo Roberto Rinaldi Ceroni di Casola Valsenio. Le menzioni speciali sono andate a Nina Zanotti di San Potito, Maria Landi di Castel Bolognese e a Gianni Fagnocchi di Solarolo.

La mostra è consistita in 14 gigantografie ispirate al Senio e ai 14 racconti del concorso con inserti contenenti alcune frasi di ogni racconto, oltre al titolo del medesimo e al nome dell’autore. Di ognuno abbiamo realizzato una foto da consegnare come ricordo a tutti i partecipanti. L’esposizione, molto apprezzata dal pubblico, è stata allestita da Roberto Torricelli, Amico del Senio e membro del Foto club di Bagnacavallo.

Ci pare giusto rilevare i tanti attestati di consenso e simpatia che abbiamo ricevuto dal pubblico e da chi ha collaborato con noi, sia per il significato dell’iniziativa che per la buona organizzazione. Fra questi desidero farvi conoscere la lettera che ci ha inviato Gabriella Costa, secondo classificata del concorso, che non ha potuto essere presente in quanto convalescente.

Gentile Domenico e cari soci

Sono felice e onorata per il riconoscimento che avete dato al mio racconto che ho scritto con grande amore per il mio fiume Senio compagno delle mie scorribande infantili e adesso palcoscenico dello spettacolo della natura nei miei tanti pomeriggi estivi passati a prendere il sole e a tuffarmi dei pozzi con l’acqua fredda e trasparente.
La leggenda della grotta di Re Tiberio mi ha sempre affascinato e ho voluto rendere omaggio al parco dei gessi un luogo davvero straordinario.
Ringrazio ancora il caro Domenico e mi scuso se non sono potuta essere presente alla premiazione.
Con affetto

Gabriella Costa

La buona riuscita dell’iniziativa ci sta facendo riflettere circa l’opportunità di pubblicare una Raccolta dei racconti del Senio. Fin dal dopo guerra, molte persone hanno scritto in vario modo ponendo il Senio al centro della loro attenzione. Ha senso oggi raccogliere questi racconti in una unica pubblicazione per farne uno strumento di divulgazione che possa restare nel tempo? Se c’è la convinzione che possa essere utile per preservare l’identità che il fiume ha trasmesso ai cittadini della sua valle, possiamo decidere di compiere l’operazione. Diteci cosa ne pensate. Sapendo che se stampiamo un libro, non essendo nessuno di noi un mecenate, dobbiamo avere la prospettiva di poterlo vendere per ricavarne le spese.

La mostra è stata molto apprezzata dal pubblico. Può essere esposta ovunque lo si voglia. Sarebbe un piacere poterla presentare nelle località attorno al Senio. Si presta anche ad essere portata nelle scuole, qualora gli insegnanti potessero ritenerla utile e corroborante alle loro lezioni di storia.

Concludo ringraziando le quattordici persone che hanno scritto i racconti, i membri della Giuria che li hanno giudicati, i comuni della vallata per il Patrocinio concesso, i collaboratori che ci hanno aiutato nelle spese, il Sindaco e l’amministrazione comunale di Castel Bolognese che ci ha ospitati nella sala del Consiglio, Rita Malavolti e Giovanni Morini che hanno collaborato alla cerimonia della premiazione, Roberto Torricelli che ha realizzato la Mostra, il Consiglio e gli attivisti degli Amici del Senio che si sono prodigati per lungo tempo per organizzare l’evento. Infine grazie a tutte le persone che hanno partecipato all’evento.