Tag Archivio per: Attività

Mercoledì 8 febbraio, a Tebano, abbiamo riunito il Consiglio e i soci collaboratori per discutere delle iniziative per i prossimi mesi e preso questi orientamenti.

Domenica 26 Febbraio, ore 9,30 – Camminata alla Serra di Castel Bolognese per crinali e calanchi, di circa 6 km. Alle ore 11 confluiremo nella camminata al bosco della Serra (che molti non conoscono) promossa dal Roccolo e condotta dal prof Luigi Solaroli che ci parlerà del castello presente nell’antichità in quel luogo.

Nel corso del mese di marzo pensiamo a due camminate sul Senio nel tratto Tebano – Ponte del Castello.

Una lungo il nuovo percorso della ciclo via del Senio da Castel Bolognese alla diga steccaia (musica e ristoro). Ricordiamoci che questo investimento di Comune e Regione è anche il risultato delle nostre iniziative. La camminata sarà in pratica la presentazione di come vorremmo fosse attrezzato il Senio dalla sua sorgente fino alla foce.

La seconda camminata pensiamo di farla lungo il percorso del “trial dell’istrice” sotto il magnifico tunnel delle canne, dal Boccaccio al Ponte del Castello. Sarà una vera e propria sorpresa.

Sempre in Marzo lavoreremo per organizzare una Conferenza pubblica di livello, possibilmente in un locale del Parco della Vena dei Gessi per spingere i temi della ciclovia del Senio e della sicurezza (casse di espansione, ecc.). Seguita da una camminata ai Crivellari.

Collaboreremo inoltre all’organizzazione di un buffet per genitori e neo laureati del corso di vitivinicoltura di Tebano.

Il 29 Aprile, avremo la visita dall’America della vedova e di un nipote di Victor Phelps, il pilota americano abbattuto durante la guerra lungo il Senio fra Castello e Solarolo e che abbiamo ricordato con una targa. Faremo una camminata sul luogo partendo da Castello e da Solarolo e un incontro pubblico in Comune. Si tratta di una storia davvero fantastica che ci parla delle potenzialità del Senio circa il tema del turismo della Memoria.

Riguardo Acque e Miracoli a Tebano, nostro storico evento in collaborazione con l’Arena delle Balle di Cotignola, siamo, senza ombra di dubbio, del parere di proseguire con la bella esperienza. Le date ipotizzate sono il 3 e 4, oppure il 10 e 11 luglio. Adesso la parola passa al “gruppo di Tebano” per verificare la volontà e la disponibilità da parte di coloro che poi dovranno farsi carico del lavoro organizzativo.

Infine abbiamo parlato del libro dei Racconti del Senio. Si va avanti con l’obbiettivo di averlo, stampato e disponibile, per il prossimo 25 aprile.

Con queste iniziative arriveremo all’estate. Si tratta di un programma impegnativo che necessita della collaborazione di tante persone. Chiediamo a tutti di darci una mano. Potete farlo in tanti modi. Donandoci qualche ora di lavoro anche solo per una delle iniziative in programma. Iscrivendovi all’Associazione (costa 5 €), al momento siamo già 61 iscritti per il 2023. Oppure donandoci il 5 per mille della vostra dichiarazione dei Redditi.

Ps – Il Senio corre da Palazzuolo ad Alfonsine. In genere le iniziative che mettiamo in capo si concentrano prevalentemente lungo un tratto del nostro fiume. Questo non è voluto, significa che da alcuni luoghi riceviamo meno stimoli. Dateci una mano a colmare questa carenza.

Martedì 11 gennaio ci siamo ritrovati come Associazione, parte in presenza e altri da remoto, per impostare l’attività del 2022. In 20 persone, armate di buone intenzioni e di passione, abbiamo discusso e assunto questo orientamento.

A – Al centro dell’attività di quest’anno metteremo i temi delle Casse di espansione e della ciclo via del Senio con accanto la parola d’ordine mutuata dalla storia: se non ora quando? Su questi temi intimamente connessi fra loro, promuoveremo un flash mob sui ponti del Senio e una Conferenza pubblica. Saranno iniziative PER spingere la realizzazione di due opere già da tempo al centro degli impegni della Regione e delle Amministrazioni comunali locali.

B – Abbiamo confermato Acque e Miracoli a Tebano con un giudizio positivo sulle edizioni passate e con la premessa di migliorarci ulteriormente. Confermiamo il sodalizio con l’Arena delle Balle e la miscela: arte, cultura, spettacolo, territorio, leggerezza.

CCamminate. Vorremmo farne di più. Partiremo la scoperta delle “buone erbe selvatiche di fiume” ad Alfonsine. Poi un “da ponte a ponte” fra Fusignano e San Potito. Continueremo a Solarolo con la sperimentazione di un “percorso città-fiume”. A Solarolo proporremo anche una incontro sulle tematiche ambientali partendo da alberi e parco dei laghetti del Senio. A Castel Bolognese cammineremo sul nuovo tratto di ciclo via del Senio voluto dall’Amministrazione comunale e i cui lavori sono stati appaltati.

D – Lavoreremo per 2 giorni di iniziative a Palazzuolo dove il comune ha ottenuto il finanziamento per il sentiero che porta alla sorgente del Senio.

E – Affronteremo il tema delle Raccolte storico didattiche del Novecento presenti lungo la vallata del Senio per aiutarle a delineare il proprio futuro.

F – Ci impegneremo per portare a termine il libro Raccolta dei racconti del Senio e la prima Guida del Senio.

G – Nei prossimi giorni lanceremo il Tesseramento 2022 e la campagna di sensibilizzazione per la donazione del 5 per mille agli Amici del fiume Senio.

Nel corso della riunione sono venuti alla ribalta con forza il temi della manutenzione del Senio (inadeguata nella forma e nella sostanza) e dell’acqua che viene sottratta al fiume con tutte le conseguenze che vediamo. Temi reali verso i quali ci siamo impegnati a prestare maggiore attenzione.

Ieri sera abbiamo riunito il Consiglio direttivo degli Amici del Senio per fare il punto sulle varie attività. Devo dire che la soddisfazione è stata tangibile. Nei primi quattro mesi dell’anno abbiamo svolto veramente tante iniziative e tutte riuscite nel migliore dei modi. Abbiamo ampliato l’area della nostra azione, presentandoci per la prima volta a Lugo, a Riolo Terme, a Fusignano, a San Potito, a Faenza. La curiosità e l’interesse manifestato dai cittadini è andato oltre le previsioni.

Non credevamo a tanto. E’ come avere svelato il sepolcro dei ricordi del significato che ha avuto il Senio per migliaia di persone. Piano, piano stiamo costruendo una memoria collettiva che rischiava di andare perduta. Una memoria fatta dal ricordo delle sofferenze del duro lavoro dei contadini, dai drammi della guerra patita, ma anche dalle occasioni di gioia e di spensieratezza che frequentare il proprio fiume forniva.

I temi che proponiamo e per i quali siamo sorti sono sempre quelli: la sicurezza del Senio, una sua adeguata e costante manutenzione e il percorso ciclo-naturalistico sopra l’argine o a fianco del corso dell’acqua. Su questi obbiettivi stiamo registrando un generale consenso che si manifesta sempre più con la partecipazione alle iniziative che mettiamo in campo, con le mille firme raggiunte in questi giorni alla nostra Petizione ai Sindaci per la valorizzazione del Senio e con le oltre cento iscrizioni all’Associazione, già nei primi quattro mesi dell’anno.

Nel registrare questa situazione ci siamo proposti di non mollare, anche di fronte alle difficoltà che registriamo nell’ottenere risultati concreti. Anzi, il prossimo venerdì 19 maggio abbiamo indetto – a Solarolo – l’Assemblea dei Soci per eleggere il nuovo organismo dirigente che ci siamo prefissati di ampliare come numero di partecipanti. Siamo come un treno in corsa, ma abbiamo bisogno di nuove forze per non perdere velocità.

Nelle prossime settimane seguiremo con attenzione l’importante legge regionale sulla ciclabilità. Procederemo con le conferenze sul percorso ciclabile Senio più Lamone, dalla collina al mare e cercheremo di esercitare nuovi stimoli verso i Sindaci sulle tre richieste che avanziamo:

  • un comune capo-fila;
  • la convenzione con l’Autorità di Bacino per sfalciare adeguatamente l’erba sugli argini;
  • un progetto preliminare di percorso ciclo-naturalistico con le caratteristiche che servono per potere partecipare ai bandi di finanziamento pubblico e per essere pronti quando, fra alcuni mesi, la Regione farà la legge sulla ciclabilità con contributi economici ai progetti migliori.

Abbiamo poi in programma due iniziative sul campo (fiume) molto importanti. La seconda Podistica Polo di Tebano dove collaboriamo con la Podistica Avis di Castel Bolognese e il Polo stesso, fissata per l’8 giugno. Sarà una bella escursione fra fiume e crinali in un paesaggio fascinoso. Il tre luglio gestiremo, assieme a Primola di Cotignola, a Tebano, l’anteprima dell’Arena delle balle. Sarà un incontro di arte, cultura e spettacoli nello splendido scenario della diga steccaia e della presa del Canale dei Mulini.

Tutto questo mentre un gruppo di soci sta lavorando ad un Concorso fotografico utile ad editare una nuova Mostra e la prima guida del Senio. Con sullo sfondo l’obbiettivo della messa in piedi di un primo Info point del Senio.

IMG_1547Ieri sera abbiamo presentato ad Alfonsine l’associazione Amici del fiume Senio e il suo programma. Hanno accolto l’invito una trentina di persone rappresentanti di Enti, Associazioni e cittadini. Fra tutte le gradite presenze quelle del sindaco Mauro Venturi e di Giuseppe Masetti, direttore dell’Istituto storico della Resistenza e dell’Età contemporanea.

Ancora una volta abbiamo avuto la prova di quanto sia vasto l’interesse dei cittadini verso il nostro fiume.

La discussione è stata ricca di spunti. Si è passati dal tema della sicurezza per la funzione idraulica del Senio a quello della sua piena agibilità per le attività di svago dei cittadini. Con al centro sempre l’aspetto della sua valorizzazione come risorsa ambientale, con possibili effetti benefici per l’economia dei territori.

Giuseppe Masetti ha posto l’accento sulla caratteristica principale del fiume Senio, che lo rende diverso dagli altri fiumi: l’aspetto storico. Le gravi vicissitudini dell’ultima fase della seconda Guerra mondiale, hanno visto il Senio testimone di una lotta cruenta che investì i soldati di venti nazioni, i combattenti partigiani e centinaia di migliaia di civili che pagarono un altissimo tributo.

Il tema della raccolta della memoria che ruota attorno al Senio e alla sua valle, diventa quindi centrale, assieme al compito di preservarla e tramandarla. Ma perché essa resti indelebile, occorre collegarla ai territori ove i fatti si sono svolti. Da qui l’esigenza di rendere visibili e fruibili i luoghi di quella storia, attraverso una serie di misure come un percorso ciclo-pedonale sull’argine, apposita segnaletica indicativa e rievocativa e altre misure.

Per rendere organica l’iniziativa di valorizzazione del Senio, occorre che un dei dodici comuni toccati dal fiume, assuma il ruolo di capofila per la definizione dei progetti. E’ questo l’obbiettivo immediato che come associazione ci poniamo.

Mauro Venturi non si è sottratto a questo interrogativo, riconoscendolo giusto e opportuno, rimandandone – crediamo giustamente – la risposta, al confronto con gli altri comuni. Che però sarebbe necessario – per molte ragioni – avvenisse in tempi molto brevi. Il Sindaco ha poi ricordato la funzione positiva dell’Associazione e in generale della partecipazione su questi temi, assieme all’auspicio che anche l’Autorità di Bacino si apra ulteriormente al confronto con tutti.