Venerdì scorso 13 dicembre abbiamo incontrato Andrea Corsini, assessore regionale al Turismo. Presenti all’incontro il sindaco di Castel Bolognese Luca della Godenza e l’assessore al Turismo dell’Unione dei comuni della Romagna Faentina Giorgio Sagrini, sindaco di Casola Valsenio. Causa un contrattempo non ha potuto essere presente Nicola Pasi, sindaco di Fusignano, in rappresentanza dell’Unione della Bassa Romagna. Erano con noi Mario Baldini e Ilva Fiori di Primola di Cotignola.

Abbiamo parlato della ciclabile del Senio dalla collina al mare o, se volete, del percorso naturalistico del Senio. Abbiamo illustrato il lavoro di partecipazione che abbiamo sviluppato fino ad oggi, poi siamo andati a visitare il parco fluviale di Castel Bolognese: ovvero, come vorremmo diventasse il Senio da Palazzuolo al Reno. Abbiamo chiesto alla Ragione di credere a questo obbiettivo e di impegnarsi a fondo.

Andrea Corsini ha riconosciuto la valenza turistica della ciclabile del Senio. La sua possibile integrazione con il percorso naturalistico del Lamone, con la ciclabile nazionale del Vento, da Torino a Venezia, oltre che col progetto di ciclabile Ferrara Ravenna, ci parlano di una visione del futuro che coglie la crescente richiesta a livello mondiale di turismo lento, dei luoghi e delle esperienze. Di quel turismo attratto dalla particolare vivibilità dei piccoli centri fatta di storia, ambiente, paesaggio e benessere.

Cosa può fare la Regione per venire incontro a questo progetto? Corsini ci ha detto che la Regione può offrire una cornice istituzionale convocando un incontro con i Sindaci. Poi può contribuire con un finanziamento ad un comune capofila (o Unione) che si intesti il progetto, redigendo una progettazione preliminare con le caratteristiche di potere accedere ai bandi di finanziamento europei (che ci sono).

Lo strumento operativo, il canale per potere accedere ai finanziamenti, è il PORFESR – Programma Operativo Regionale e Fondo Europeo Sviluppo Regionale (cliccate per avere maggiori informazioni). Nella sostanza si tratta di fondi europei – con partecipazione delle Regioni – destinati allo sviluppo delle regioni stesse. E’ questa la strada seguita con successo per la ciclabile del Santerno, mentre per il Lamone, se non erro, la strada è stata quella del GAL (Gruppo di Azione Locale).

In buona sostanza, Corsini ha espresso quello che già ci avevano enunciato cinque anni fa i dirigenti del GAL quando, a Castel Bolognese nel corso di una nutrita conferenza, ci dissero che l’opera si poteva fare. Occorreva però partire dall’individuazione di un comune capo-fila e da un progetto preliminare.

Pensiamo che cinque anni non siano trascorsi invano. Il lavoro di partecipazione compiuto dagli Amici del Senio, altre voci che si sono levate, alcuni comuni che si sono concretamente mossi in tal senso, stanno a significare che oggi l’obbiettivo del percorso naturalistico del Senio è oggi più vicino. Pensiamo e speriamo che l’incontro dei Sindaci e tecnici del prossimo 14 gennaio sia quello definitivo e che subito possa partire la progettazione.

Prima delle elezioni comunali, la nostra campagna di sensibilizzazione sul tema ci portò a contatto con presso che tutti i candidati a Sindaco. Tutti si espressero a favore dell’opera sul Senio e fa piacere che dopo la loro elezione abbiano cominciato ad incontrarsi per tradurre in pratica gli impegni politici assunti. Siamo fiduciosi. E allora, con l’esperienza che abbiamo acquisito, siamo pronti ad offrire il nostro contributo e la nostra completa collaborazione.

 

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *