Amici del Senio, buongiorno. Mi rivolgo agli associati, alle 1200 persone che hanno firmato la petizione per la valorizzazione del Senio e a tutti coloro che ci seguono. Dopo sei anni di attività possiamo trarre qualche conclusione e dirvi che l’anno prossimo potrebbe essere quello decisivo per gli obiettivi che ci siamo proposti.

PARTECIPAZIONE. Le tante iniziative che abbiamo svolto hanno dimostrato il notevole interesse della popolazione verso il fiume dal quale traggono identità. Rappresentano una valida pezza di appoggio per ogni progetto che voglia essere finanziato.

Conferenza al Momevi a Faenza sulle buone erbe selvatiche del Senio.

SICUREZZA. Nel corso della prossima primavera partirà il Bando europeo per l’affidamento dei lavori per la realizzazione delle opere di adduzione delle due casse di espansione di Tebano-Cuffiano. Contemporaneamente la Regione, che se ne è assunta l’onere, completerà la seconda cassa, quella rimasta incompiuta dopo il fallimento della ditta di escavazione. Le casse consentiranno di inglobare nei momenti di punta della piena del fiume, 4 milioni di metri cubi di acqua. Di questi – 1,5 milioni – resteranno nelle casse per potere essere “donati” al fiume o alla campagna per irrigare nei mesi estivi.

E’ stato finanziato un progetto triennale di manutenzione ordinaria del Senio. Si esce così dalla logica degli interventi emergenziali.

Qui sorgerà la seconda cassa di espansione del Senio.

PERCORSO NATURALISTICO O CICLABILE DEL SENIO. E’ il cuore della nostra ragione di esistere come Associazione, l’obiettivo principale che ci siamo posti. I nostri interlocutori principali sono stati i Comuni e la Regione con i quali abbiamo dialogato serenamente, pur con le normali difficoltà derivate dalla complessità del problema. Siamo giunti a questo punto:

  • Il comune di Castel Bolognese sta realizzando un progetto, cofinanziato con la Regione, per estendere il suo percorso ciclo pedonale fino alla diga steccaia di Tebano e di proseguirlo, con modalità realizzative diverse, verso il Ponte di Felisio, fino alla corrispondenza del Molino Scodellino. Avremo così un percorso ciclo turistico ad anello di circa 21 chilometri;
  • I comuni dell’Unione della Bassa Romagna hanno deciso di effettuare dal prossimo anno, due sfalci dell’erba sulla cima degli argini, così da potere facilitare il percorso per chi va a piedi o in bici;
  • Le due Unioni comunali del faentino e del lughese hanno deciso di affrontare il tema del percorso naturalistico del Senio. Dopo un primo incontro avvenuto in ottobre, si re-incontreranno il prossimo 14 gennaio per concordare la progettazione del Progetto preliminare dell’opera per potere candidarsi ai finanziamenti europei (che ci sono) e regionali.

L’argine del Senio a Castel Bolognese. Un esempio di come vorremmo diventasse tutto l’argine, fino alla foce.

RUOLO DEI COMUNI, DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E DEL BACINO DEL RENO. Tutti i comuni toccati dal Senio nel corso dei tanti contatti avuti, hanno mostrato interesse e si sono impegnati sul tema del Percorso naturalistico ciclo-pedonale del Senio.

La Regione, che è già intervenuta con un cospicuo finanziamento al progetto di ciclabile a Castel Bolognese, ha riconosciuto la valenza turistica del progetto e per bocca dell’assessore al Turismo, Andrea Corsini, nel corso di un apposito incontro avvenuto poche settimane fa, ha suggerito ai comuni le strade da seguire per ottenere i finanziamenti e realizzare l’opera, dichiarandosi disponibile ad offrire una copertura istituzionale al progetto. Le sue proposte saranno oggetto del prossimo incontro dei comuni fissato per il 14 gennaio.

Turisti svizzeri camminatori della linea gotica (giunti a Castello, hanno visitato il Molino Scodellino).

L’autorità di Bacino per bocca del suo massimo dirigente Stefano Miccoli, si è dichiarata non contraria al Percorso naturalistico del Senio, ponendo, con ragione, due condizioni di base: non dovranno esserci in alcun modo intralci per i loro interventi operativi e non potranno derivare a loro obblighi diversi da quella che è la loro funzione istituzionale.

A seguito di quanto sopra esposto, possiamo dire che oggi, come non mai, siamo fiduciosi di arrivare ai risultati che ci eravamo proposti. Nel corso del prossimo anno continueremo, con spirito collaborativo verso tutti gli interlocutori, a fare la nostra parte. Chiediamo a tutti di continuare a sostenerci con fiducia e partecipazione (Domenico Sportelli).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *