Cliccando qui Bando Concorso di Scrittura per Racconti Brevi 2021 – I Edizione troverete il Regolamento e la Dichiarazione che dovrete allegare alla spedizione dell’opera.

Potete scaricare il regolamento per prenderne visione. Per quanto riguarda la Dichiarazione di responsabilità, dovrete compilarla, scaricarla, firmarla e inviarcela in forma digitale (scanner o foto) contemporaneamente alla spedizione del lavoro, allegando la fotocopia di un documento che attesti la firma resa.

Lo sappiano, vi sembreranno meccanismi complessi, ma desideriamo svolgere l’iniziativa con la massima trasparenza.

Noi speriamo che a partecipare siate in tanti. Moltissime persone hanno ricordi legati al Senio. Vorremmo costruire assieme la mappa della comunità del fiume. Una mappa dei sentimenti, delle storie vere, delle leggende, dei segreti, delle tradizioni che potrebbero rischiare di andare perse.

 

Nel corso di questi anni abbiamo avuto modo di verificare quanto il Senio rappresenti qualcosa di ben preciso per i cittadini della sua vallata. Allora abbiamo pensato di scavare nella memoria delle persone per dare corpo ad una identità di fiume.

Per questa ragione, abbiamo deciso di promuovere un Concorso di Scrittura per racconti brevi che chiameremo I racconti del Senio. Fra pochi giorni uscirà il regolamento.

Per darvi l’idea, così potrete cominciare a pensarci, vi anticipiamo alcune informazioni.

Iscrizione entro il 30 aprile 2021.

Il costo dell’iscrizione sarà di Euro 10.

Invio delle opere entro il 31 luglio 2021.

I racconti dovranno essere inediti, originali, in lingua italiana e lunghi massimo 5 cartelle.

Le Opere dovranno essere ispirate al Senio, secondo la tipologia preferita: dalla biografia al racconto giallo, dalla novella al genere horror, dal saggio al diario e ad ogni altra forma narrativa.

La Giuria sarà composta da esperti, scelti dall’Associazione.

Sara’ riconosciuto il merito personale dei tre migliori racconti brevi con premi in denaro (200, 150, 100 euro) a cui si aggiungeranno tre menzioni speciali definite dalla giuria, premiate con premi in natura.

La premiazione avverrà a Palazzuolo sul Senio in una data compresa nel periodo dal 28 agosto al 5 settembre 2021.

Se tutto andrà bene non escludiamo la pubblicazione dei Racconti.

Proviamoci. Ci auguriamo siate in tanti a partecipare. Andiamo insieme alla scoperta delle radici del Senio e della sua gente. Costruiamo assieme la mappa della comunità del fiume. La mappa dei sentimenti, del lavoro, delle storie vere, delle leggende, dei segreti, delle tradizioni che potrebbero rischiare l’oblio.

Penna in mano e pensieri a briglia sciolta. Ci divertiremo.

Presto organizzeremo una visita guidata al Podere Pantaleone.

Lunedì 19 aprile 2021 alle ore 21, in videoconferenza, Roberto Fabbri illustrerà e ci preparerà per la visita. Vi aspettiamo in collegamento online.

Il Podere Pantaleone, Area di Riequilibrio Ecologico e Zona Speciale di Conservazione è situata nelle immediate vicinanze del centro storico di Bagnacavallo. Si possono ammirare tanti fiori spontanei che l’uso di erbicidi ha reso ormai introvabili nelle nostre campagne e che proprio nella stagione primaverile colorano il Podere. Fino a estate inoltrata si potranno osservare le fioriture di oltre venti specie di segetali o messicole, con alcune rarità come fiordaliso, specchio di Venere, gittaione, fior d’Adone, pettine di Venere, damigella scapigliata, speronella, viola dei campi, coriandolo selvatico. Accanto a una gran varietà di arbusti sono poi presenti alberi di notevoli dimensioni e secolari.
L’oasi naturalistica è luogo ideale per osservare la flora e la fauna tipiche della Pianura Padana. Nell’area si possono inoltre osservare animali di ogni tipo (anfibi, rettili, uccelli e mammiferi) e una moltitudine di insetti.
La visita al Podere è supportata da vari pannelli didattici e sono presenti numerose installazioni per bambini e famiglie, come camminamenti su tronchi, inoltre è stato creato lo stagno delle libellule e collocate diverse cassette-nido per insetti, uccelli e pipistrelli.

Il link dell’incontro è: https://m.teamlink.co/7017746070

Per installare Team Link, sia da computer portatili o fissi, tablet e smartphone.

L’operazione è molto semplice.

  • Da Google o altri motori di ricerca digitate: team link, troverete il sito ufficiale teamlink.com;
  • doppio clic e si aprirà il sito ufficiale ove poi dovete cliccare su DOWNLOAND GRATUITO;
  • selezionate il vostro sistema operativo e clic su DOWNLOAND;
  • si aprirà la schermata dove salvare il programma, per comodità salvatelo sul desktop, cliccate salva ed aspettate alcuni secondi perché finisca l’operazione di salvataggio;
  • sul desktop vi apparirà l’icona di TEAMLINK, doppio clic su detta icona, si completerà automaticamente l’installazione e si è pronti per iniziare la videoconferenza.

NON OCCORRE REGISTRARSI. La stanza della video conferenza di lunedì 19 aprile, sarà aperta da Roberto alle ore 20,45.

La stessa operazione di installazione, anche più veloce e semplice, si esegue da APP STORE o PLAY STORE su tablet o smartphone.

Lunedì 19 aprile, dalle ore 20,45 in poi, aprite il programma Team Link cliccando sull’icona a desktop.

Vi apparirà la schermata “ENTRA REGISTRATI” e sotto “partecipa ad una riunione senza account”;

  • cliccate su questa ultima frase, si aprirà una finestra ove dovete riportare l’ID della riunione (il nostro ID è: 7017746070);
  • scrivete nella casella successiva il vostro nome, seguite le istruzioni e così sarete collegati in videoconferenza.

Per eventuali problemi potete chiamare (Roberto) al 335 7403312.

Cari associati e simpatizzanti, gli iscritti alla nostra associazione per il 2020 sono stati 78. Un numero inferiore a quello degli anni precedenti, ma dovuto al fatto che la pandemia ci ha costretto a non sviluppare le iniziative che solitamente costituiscono il viatico per l’adesione.

Quest’anno siamo ancora alle prese con la pandemia, ma fiduciosi che entro l’estate si possa ripartire, anche se con modalità diverse dal passato. Oramai tutti abbiamo capito che anche con la vaccinazione di massa e l’immunità di gregge, resteranno in atto cautele che modificheranno per molto tempo e forse per sempre i nostri passati comportamenti.

Quello che appare chiaro è che l’idea del distanziamento ci proporrà l’esigenza di recuperare spazi sociali e di vita che abbiamo purtroppo abbandonato in preda all’oblio del divertimentificio. Fra gli spazi da recuperare c’è il territorio e un modificato rapporto con esso. I fiumi sono le arterie del territorio, quindi conservarli correttamente e viverli sarà alla base del nostro impegno futuro.

Appena possibile partiremo con le camminate utilizzando il fiume come vettore verso la natura, il paesaggio di campagna e la storia delle nostre città. Lavoreremo per fare sì che il Senio diventi sempre più teatro di vita e di nuove esperienze culturali dalla sua sorgente alla foce. Ci guideranno in questo le bellissime esperienze del passato, a partire dall’odore della paglia.

Quello che faremo sarà particolarmente per gli aderenti all’Associazione, sempre però con spirito di apertura verso tutti i cittadini.

Ogni associazione vive innanzitutto del contributo dei propri iscritti. Senza adesioni e senza il piccolo contributo economico che vi proponiamo, gli Amici del Senio non avrebbero possibilità di esprimersi. Quello che allora chiediamo a tutti voi è di rinnovarci la fiducia e di iscrivervi per il 2021. La quota ufficiale è ancora di 5 euro. Ovviamente, chi lo desidera, può aggiungere qualcosa e noi ne saremo grati.

Ricordo che l’altro mezzo per sostenerci è quello di donarci il 5 per mille della vostra dichiarazione dei redditi al momento in cui compilerete il vostro Mod. 730.

Come potete fare per aderire e darci una mano?

PER ISCRIVERVI

  • Potete inviarci la quota con Satispay, cercando Amici del fiume Senio nella categoria Negozi;
  • Potete farci un bonifico intestato: Amici fiume Senio – Banca BCC – Filiale di Solarolo. Codice IBAN     IT58J0846267610000005033504   Causale: Tessera 2021;
  • Contattarci con mail a amicifiumesenio@gmail.com

PER DONARCI IL 5 PER MILLE

  • Scrivete nel Mod.730 (apposito spazio) il numero di Codice Fiscale della nostra associazione che è il seguente: CF 90033300394

Buona salute.

Desideriamo ringraziare l’Unione dei comuni della Romagna Faentina per il contributo che ci ha elargito a sostegno di Acque e Miracoli, svolto a Tebano il 20 settembre scorso.

La manifestazione, per altro disturbata dalla pioggia, ci ha permesso di ritrovarci, nel rispetto delle norme anti Covid, e di consentire di lavorare, per una serata, ad alcuni giovani artisti (foto) e ad un’aziendina della ristorazione.

La somma che ci è pervenuta a seguito della domanda successiva al bando emesso dall’Unione, ci ha permesso il pareggio di bilancio e questo ci ha soddisfatti.

Insieme all’Unione desideriamo ringraziare il Polo Tecnologico e l’Amministrazione comunale di Faenza che ci sostiene e la Parrocchia di Tebano che quest’anno ci ha ospitati nei sui splendidi spazi attorno alla Basilica. Grazie anche alla famiglia Bassi e al Casoncello per l’ospitalità a “Cà ad Frazchì d’la cius”.

Confidiamo che l’iniziativa dell’Unione di sostegno alle attività colturali del territorio, possa avere seguito. Da parte nostra continueremo l’impegno per unire cultura e territorio alla ricerca dei cambiamenti necessari per una vita più serena per tutti.

E’ stata, quella del 5 settembre scorso a Palazzuolo sul Senio, una giornata intensa, ma ben spesa. Siamo partiti con la camminata alla cascata della Presia. L’idea che guida le nostre camminate è sempre quella di riscoprire il territorio attorno a cui scorre il Senio e di ricostruire la mappa dei sentimenti e delle storie della sua gente. Al mattino, Franco ci ha condotto in visita alla chiesa della Madonna delle Nevi, poi, sotto di essa per visitare il vecchio lavatoio pubblico. A dispetto del fatto che non viene indicato nemmeno da una piccola targa, il manufatto, recentemente restaurato, è molto bello. Il più bello della specie, fra quelli visti. Vasche di diverso tipo, la “fornacella” e la storia del “ranno” raccontata da Pietro, l’ultimo uomo che ha lavorato nel lavatoio. A breve incontreremo Pietro per farci raccontare la sua storia e affidarla al futuro. Poi la visita al pozzo di una volta che ancora vive sottoterra a fianco della vecchia strada per l’alpe, sagomato con sassi di fiume e intriso di storia e di leggenda.

Anche in questo caso abbiamo notato come i gruppi che si creano su argomenti che proponiamo si arricchiscono del portato delle esperienze di chi vi partecipa. Questa volta erano con anche Betty e Lorenzo, appassionati di storia locale, proprietari e gestori della Casa Vacanze la Torre del Vicario. Si tratta di una casa torre del Trecento, un tempo degli Ubaldini, che mantiene integre alcune storiche caratteristiche ancora visibili (le mura, il tetto). Ci ha fatto piacere essere invitati a visitarla. Abbiamo così potuto apprezzare l’idea di un turismo che si sposa col locale e che coniuga la particolare vivibilità dei piccoli borghi con la cultura e con la storia.

Nel pomeriggio abbiamo visitato, dividendoci in gruppi, i due Musei allocati nel Palazzo dei Capitani. Si tratta di sei sale ricche di reperti archeologici e di strumenti della civiltà contadina. Ringraziamo il signor Alfredo Menghetti che ci ha accompagnati nella visita.

La sera abbiamo voluto rendere omaggio a Palazzuolo, agli ospiti e ai suoi abitanti. Marta Celli e la sua arpa celtica ci hanno guidati lungo i sentieri del ricordo di Luciano Ridolfi, una persona che non scorderemo, ricordato con un filmato e col discorso di Gianfranco Poli. Enzo Alpi, consigliere comunale delegato, ci ha poi detto di come l’Amministrazione comunale voglia valorizzare il Senio. Infine la proiezione di un caleidoscopio di foto preparate dal nostro Roberto Torricelli a mettere in risalto le vedute più belle della cittadina.

Considerate le norme anti Covid che ci hanno condizionato, abbiamo colto verso le nostre iniziative una buona accoglienza e un sincero interesse. Diverse decine di persone hanno partecipato ad ognuna di esse, esprimendo il senso di un reale coinvolgimento sui temi proposti.

Palazzuolo e il Senio. Quello che stiamo aiutando a comprendere è l’importanza che può avere il fiume per tutto ciò che gli vive intorno. Recuperare il senso della storia che ha sempre unito il fiume e la sua gente, significa aiutare la popolazione a crescere in armonia con la natura, l’ambiente e il paesaggio. Sapendo che riuscire a coniugare con raziocinio questi elementi vuole dire anche ricavarne benessere economico e sociale.

Quello che chiediamo, come riconoscenza per l’impegno che volontariamente mettiamo in campo, è che la politica ci ascolti e si esprima. Noi auspichiamo nella direzione di elaborare una visione complessiva del fiume e della sua valle, dalla montagna al mare. Per il bene comune e non per altro.

Dopo avere valutato attentamente, abbiamo deciso di dare continuità ad Acque e Miracoli a Tebano, seppure in tempi di Covid e in presenza del cantiere alla pesa. Covid e cantiere ci hanno suggerito di promuovere una edizione ridotta dell’evento, in una data diversa dal solito e spostandolo nelle aree davanti e a fianco la Chiesa. Nella foto potete vedere il programma.

Innanzitutto ringraziamo la Chiesa e la comunità parrocchiale di Tebano per lo spazio e la collaborazione che ci offrono. Assieme al comune di Faenza e all’Unione dei comuni della Romagna Faentina che, oltre a concedere il Patrocinio, da sempre ci aiutano alla buona riuscita di un evento che vuole valorizzare il fiume Senio, Tebano e il Polo Tecnologico, struttura in sviluppo, così importante per l’economia del territorio.

Questo il programma.

Dalle ore 16,30 ci troviamo presso corte della Chiesa da dove partirà una breve camminata per visitare la vecchia casa di Frazchì d’la cius dove tutto parla di campagna e di fiume. Ci conduce Mario Baldini di Primola.

Dalle ore 18.30 entrerà in funzione il Ristoro con Giro pizza di Bugnì, quello che ci fa le pizze a casa. (€ 13, bere
escluso. Gratis bimbi meno di 4 anni, € 10 da 4 a 10 anni). Per il ristoro pizza la prenotazione obbligatoria è anticipata a Venerdì sera 18 settembre, per consentire al pizzaiolo la lievitazione di due giorni dell’impasto.

Alle ore 19.00, nel cortile della Chiesa, la Musica colta incontra gli Acrobati nel nome della leggerezza. Ascolteremo Chiara Pancaldi (voce e chitarra) e vedremo le evoluzioni di Giulia Rocchi (Danzatrice aerea).

Alle ore 20.15 nel giardino dei frutti dimenticati, a fianco della Chiesa CINEMA SOTTO IL PERO, il ritorno del noir. Proietteremo il noir cult “La scala a chiocciola” di Robert Siodmak, durata 83′, anno 1946. Il regista Robert Siodmak, scappato dalla Germania nazista, dirige questo splendido noir dai forti chiaroscuri e con pregevole semplicità. Un serial killer, in preda ad un impeto eugenetico nazista cerca di ‘purificare’ la razza eliminando le persone affette da diversità. Molto suggestiva anche la gestione dei piani della casa dove si svolge il film: il primo piano rappresenta la coscienza morale, il piano terra è la razionalità e il seminterrato l’inconscio.

Nello spazio dell’evento avremo l’ALBERO DEI PENSIERI, a cui potrete affidare, legate ad un filo, le vostre parole a difesa degli alberi, della natura e dell’ambiente.

NORME COVID. Considerate le norme in vigore, abbiamo deciso con le autorità la modalità della prenotazione obbligatoria. Pertanto chi partecipa, anche solo ad uno degli eventi in programma deve segnalate la presenza entro Sabato sera (19 settembre) tel ai n. 366-9136784 (Laura), 340-0532380 (Domenico), 333-2011377 (Silvio), oppure con mail a amicifiumesenio@gmail.com

Ricordo ancora che coloro che desiderano ristorarsi col Giro pizza devono prenotarsi entro Venerdì sera (18 settembre).

I partecipanti all’evento sono tenuti al rispetto delle norme anti-covid: mascherina, distanziamento, sanificazione.

Cari amici, nelle condizioni di ristrettezza date, noi abbiamo cercato di fare del nostro meglio seguendo l’impostazione degli scorsi anni, cercando di produrre cultura, con leggerezza. Speriamo di avere corrisposto alle vostre attese e di vedervi. Vi ricordo che è importante affrettare la prenotazione, che sarà garantita fino a cavallo dei 100 partecipanti.

INGRESSO AD OFFERTA LIBERA.

Tutto pronto a Palazzuolo sul Senio per le nostre iniziative del 5 settembre. Sarà un fine settimana assolato e luminoso, e questo non guasta.

Lo scorso wend siamo stati su, abbiamo incontrato i nostri collaboratori locali amici del Senio e messo a punto gli aspetti organizzativi. Il programma è confermato in ogni particolare: la Camminata del mattino, il pranzo all’Europa, la visita ai due Musei locali e la serata nella Piazza del Crocifisso.

Ancora una volta abbiamo riscontrato la sensibilità e la simpatia dei palazzuolesi. E sopratutto il loro spirito collaborativo. Dagli amministratori comunali, a coloro che dovranno guidarci nelle visite, a chi ci aiuterà nella gestione organizzativa, a Gipo che ci ricorderà Luciano Ridolfi, un cittadino che ha collaborato con gli Amici del Senio e che ci ha lasciato un grande ricordo.

La serata sarà arricchita dalla presenza di Marta Celli, apprezzata musicista che si esibirà in diversi momenti con la sua arpa celtica. Avremo così modo di apprezzare l’acustica della piccola piazza ovale. Questo intervento musicale vuole essere un nostro omaggio a Palazzuolo, ai suoi abitanti e agli ospiti.

Proietteremo una breve clip su un appassionato e partecipato incontro “alla ricerca della sorgente del Senio”. Ascolteremo gli impegni dell’Amministrazione per la valorizzazione del nostro fiume. Infine potremo ammirare la vista di 80 belle fotografie, fra le quali alcune bellissime scattate col drone.

Vi aspettiamo in tanti. Vi ricordiamo il rispetto delle norme anti – Covid (obbligo della mascherina, distanziamento) e la prenotazione obbligatoria per le iniziative del mattino e pomeriggio e per il pranzo.

Questo il programma completo della giornata (in fondo dove prenotare).

 

 

 

 

 

 

Dopo la camminata della Torre del Marino, fra Senio e Sintria, la nostra attività continua il prossimo 5 settembre a Palazzuolo sul Senio. Una cittadina dove siamo sempre accolti con piacere.

Sarà una giornata di iniziative che abbiamo titolato “Palazzuolo, il Senio, la sua gente” e che rivolgiamo agli ospiti di Palazzuolo e ai palazzuolesi vicini e lontani. E’ un omaggio che vogliamo rivolgere ad un borgo della Romagna Toscana ospitale e ricco di attrattive e di storia. Quella storia minore, popolare, ma di significato importante che si è sviluppata nei secoli attorno al fiume Senio.

Al mattino faremo una camminata fino alla cascata della Presia, visitando lungo il percorso alcune preziose opere al Santuario della Madonna delle Nevi.
A mezzogiorno, siccome a noi romagnoli emiliani piacciono le tagliatelle, saremo ospiti dell’Hotel Europa che le accompagna con un ottimo misto di arrosti.
Al pomeriggio abbiamo organizzato una visita guidata ai due Musei ospitati nel settecentesco Palazzo dei Capitani.
Per la sera l’appuntamento è nella Piazza del Crocifisso. Avremo la musica di Marta Celli con la sua arpa celtica. Ricorderemo con un filmato Luciano Ridolfi che ci accompagnò due anni fa alla scoperta della storia di Palazzuolo. Una persona che ha lasciato in noi un ricordo indelebile. Un esponente dell’Amministrazione comunale illustrerà le idee per il Sentiero del Senio, fino alla sorgente e su oltre, fino alla Sambuca. Infine proietteremo le più belle foto del Senio e affluenti di Palazzuolo.

Nel corso della serata, ci sarà il nostro banchetto dove raccoglieremo adesioni all’Associazione e dove potrete lasciare un’offerta libera per contribuire ai costi delle varie iniziative.

Vi invitiamo a leggere con cura il programma (clic sulla foto) e a prenotarvi ove richiesto. Ricordiamo che saremo tenuti al rispetto delle norme anti Covid.

Vi aspettiamo in tanti.

Anche quest’anno gli Amici del Senio collaborano con le Associazioni Pietro Costa e Amici del molino Scodellino alla realizzazione della Rassegna cinematografica “I lunedì di Luglio”. La Rassegna, curata dal socio Lucio Sportelli, si svolgerà nella bella scena del Molino Scodellino di Castel Bolognese, in via Canale. Il titolo è UOMO, NATURA,CINEMA.

Il mondo del cinema, molto spesso, ha rappresentato il difficile rapporto tra l’uomo e la natura nella maniera più estrema e disparata. In questa rassegna vivremo tre punti di vista molto stimolanti e molto diversi tra loro, dove il genere umano è stato scandagliato da vari generi cinematografici. Questo il programma:

Lunedì 6 luglio

Wall-E di Andrew Stanton (2008, USA, Animazione). Un piccolo robot con il compito di ripulire il pianeta terra assume coscienza di sè e intraprende una splendida avventura, che farà meditare sui danni prodotti dall’uomo.

Lunedì 13 luglio

La principessa Mononoke di Hayao Miyazaki (1997, Giappone, Animazione).

In tutti i film di Miyazaki si può notare il rispetto e la riverenza che il grande di maestro di animazione giapponese pone nei riguardi della natura. In particolare, proprio in questo film, viene rappresentato il feroce rapporto tra gli esseri umani e la natura.

Lunedì 20 luglio

Mad Max: Fury Road di George Miller (2015, Australia/USA, Distopico).

Meraviglioso film in cui il genere umano ha completamente devastato il mondo e i beni primari sono diventati l’acqua e il carburante. Assolutamente da non perdere.

Al termine delle proiezioni Cineforum sotto le stelle.

Dalle ore 19,30 è in funzione il punto ristoro. Quest’anno avremo le pizze napoletane con le farine speciali del molino Naldoni, preparate dal maestro pizzaiolo Vincenzo Cimino. Assaggi di pizze + birra + bottiglietta di acqua € 10. A parte: bicchiere di vino € 1, macedonia di frutta con gelato € 3.

A richiesta visita guidata al mulino.

Ricordo che dovranno essere rispettate con scrupolo le norme anti covid (distanziamento, mascherina, igiene).

E’ necessaria la prenotazione – entro domenica sera – sia per la visione del film che per la pizza. Tel a Domenico 3400532380 oppure a Lucio 3395694171

Potete arrivare a piedi, lungo via Canale. Oppure parcheggiare presso la chiesa di Casalecchio. Vi aspettiamo.